Print this page

FESTA DEI FIORI AL LAGO D’ISEO

 

14 – 20 settembre 2020

FESTA DEI FIORI AL LAGO D’ISEO

 

Un programma insolito: una giornata che culmina nella

visita di CARZANO di MONTISOLA, con la FESTA DELLA SANTA CROCE, dove, per l’occasione, tutto il borgo è decorato con fiori di carta!

 

Al mattino, si incontra la guida a Iseo, Viale Europa.

 

Si percorre la strada litoranea orientale del Lago e si attraversa Sulzano, … si ammira la vegetazione mediterranea e si raggiunge Montisola, l’isola più grande dei laghi in Europa. Ci si imbarca a Sale Marasino per Carzano.

 

È un piccolo borgo, che si trasforma completamente: dappertutto ci sono composizioni di fiori, nei cortili delle case, sulle inferriate, fuori e dentro la chiesa, naturalmente … sembrano fiori veri! Ecco la sfida: la composizione deve essere perfetta e deve sembrare naturale.                                                                                               

Si realizzano arcate in legno, dove si appoggiano rami di pino, per fissarvi i fiori di carta.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                           

Questa tradizione si ripete ogni cinque anni e rievoca la processione, con la reliquia della Santa Croce, che aveva fermato l’epidemia di colera, nel 1836. Fu riconosciuto il miracolo! Gli abitanti onorano la reliquia, perpetuando questa festa.

 

Al visitatore, il consiglio di fare fotografie a destra e a sinistra …

 

Quindi pranzo – sull’isola, o a Iseo o in un agriturismo della Franciacorta …

 

Per il pomeriggio, si può organizzare:

 

Visita dell’Abbazia Benedettina dei Padri Olivetani a Rodengo Saiano (Franciacorta).  Nel 1066, qui si istallarono i Monaci benedettini francesi di Cluny. Nel XV / XVI secolo, l'Ordine benedettino attuale (di Monte Oliveto) realizzò molte opere e trasformò il piccolo monastero originale.Molti artisti (Vincenzo Foppa, Sassi, Cossali, Moretto, Romanino, Lattanzio Gambara) hanno decorato e abbellito l’Abbazia, così come la si può vedere oggi. (€ 3,00 p.p.)

 

Oppure

 

Visita a Palazzo Torri a Nigoline di Cortefranca (Franciacorta), splendida villa nobiliare fortificata del Seicento, rinnovata nel Settecento dai Peroni di Brescia con arredi e decori barocchi per essere una “villa di delizie “ed infine arricchita ed ampliata dai Torri alla fine dell’Ottocento.
Paolina Calegari Torri e il marito Alessandro la trasformarono in un vero e proprio “cenacolo culturale” frequentato da ospiti illustri, dove si svolgevano feste, incontri, dibattiti e iniziative culturali. Si annoverano scrittori e poeti come Giosuè Carducci, Antonio Fogazzaro e Giovanni Pascoli.
Ingresso (con guida inclusa) € 6,00/7,00 per persona

 

Oppure

 

Visita di Brescia:

Piazza del Foro, con il Tempio Capitolino, le vestigia del Teatro Romano e i resti dei portici laterali. Una realtà archeologica impressionante.                                    

La piazza Paolo VI, dove si trovano tre monumenti: il Palazzo Comunale medievale (Broletto) et il Duomo Vecchio (Rotonda), entrambi costruiti tra il XII e il XIII secolo; c’è anche il Duomo Nuovo, un vero contrasto, sullo stesso lato della piazza, perché costruito nel corso del XVII secolo.

La visita termina in Piazza della Loggia, dove il Municipio testimonia uno dei più begli esempi di Rinascimento bresciano e dove è visibile l’influenza palladiana. Da notare, la Torre dell’Orologio, con le 24 ore, le fasi lunari e gli automi che battono le ore.

 

Oppure

 

Fare la visita del centro storico di ISEO, di impronta medievale, con Piazza Garibaldi, dove risiede il primo monumento dedicato all’eroe dei due mondi in Italia, la Pieve di Sant’Andrea, il Castello Oldofredi e la Chiesa di Santa Maria del Mercato.

 

  Si può personalizzare il programma, in altro modo, e cambiare l’ordine di visita o aggiungere altre proposte.